SERIE A1, ANCORA UN FANTASTICO QUINTO POSTO

La Costanza 1884 A.Massucchi terza in classifica generale.

Il 7-8 aprile al Palalottomatica di Roma si è tenuta la seconda prova del campionato italiano di serie A1 di ginnastica artistica.

I giovani ginnasti de La Costanza 1884 A. Massucchi hanno ottenuto un altro straordinario successo in trasferta, in una gara delicatissima, fondamentale per la stagione, la seconda prova a Roma infatti poteva già dare un’importante posizione in classifica generale utile soprattutto alla sicurezza permanenza in serie A1.

La squadra composta da: Mario Alquati, Andrea Amato, Federico Broli, Luca Corsico, Luca Lino Garza ed Helge Liebrich, ha condotto una gara che fin dall’inizio è stata molto impegnativa a livello nervoso, con un pubblico di quasi dieci mila persone in un palazzetto gremito di gente, la tensione era molto alta, come le aspettative che accompagnavano l’attesa di questa gara.

La squadra ha di nuovo ottenuto il quinto posto, dimostrato di essere a tutti gli effetti una delle pretendenti al podio, dopo la gara di Roma La Costanza 1884 torna a casa con 2 certezze molto importanti, la consapevolezza di poter tranquillamente raggiungere il podio, e la quasi certezza della permanenza in A1, infatti con l’ennesimo buono risultato a Roma ha portato la squadra mortarese a classificarsi terza in classifica generale, per la somma dei risultati tra la gara di Torino e questa di Roma.

La società è decisamente soddisfatta, la squadra partiva da anelli, dopo i primi 3 attrezzi completati con un paio di cadute da parte di Luca Garza, la squadra era lontana dalle prime posizioni in classifica, ma va ricordato come Luca Garza arrivava da una sola settimana di allenamento per un infortunio alla spalla.

Dopo il terzo attrezzo i ragazzi svolgono un Corpo Libero eccellente e una sbarra efficace, e all’ultima rotazione e dopo punteggi stellari attua una rimonta e si piazza terza in classifica, all’ultimo attrezzo, cavallo con maniglie, considerato il più difficile dei sei attrezzi, due cadute fanno sfuggire il podio, e piazzano la squadra al quinto posto.

Un peccato, perché il terzo posto era molto più alla portata rispetto alla gara di Torino, nonostante il livello delle altre squadre si sia alzato, dopo il recupero di molte pedine importanti tornate da vari infortuni.

LA prestazione dei ragazzi mortaresi ha quindi un valore aggiunto e quasi più straordinario rispetto alla prima gara di Torino. Questa prova di forza non può che far bene sperare per la prossima gara che si terrà ad Ancona il 6-7 maggio.